GTA-Expert Forum: Pirateria Informatica e conseguenze - GTA-Expert Forum

Salta al contenuto

  • (2 Pagine)
  • +
  • 1
  • 2
  • Non puoi iniziare una nuova discussione
  • Non puoi rispondere a questa discussione

Pirateria Informatica e conseguenze

#1 L'utente è offline   pierduck 

  • Assassino
  • Gruppo: Utenti
  • Messaggi: 4104
  • Iscritto il: 18/08/13
  • ID PSN:pierduck
  • ID Social Club:pierduck
  • Provenienza:Lecco
  • GTA Preferito:GTA: San Andreas

Inviato il 18 settembre 2014 - 18:17

«In Italia la situazione della pirateria è molto delicata. Quasi la metà dei software installati è senza licenza, con una perdita per l'industria pari a 1.398 milioni di euro». Per Matteo Mille, direttore della business unit a tutela del software genuino di Microsoft, basterebbe anche solo questo dato per far scattare un campanello d'allarme sulla "pirateria informatica" in Italia. Ma c'è di più, perché «il nostro - aggiunge Mille - è addirittura l'ottavo Paese nel mondo per controvalore economico del software illegale in circolazione».

Microsoft lancia l'allarme sulla pirateria informatica in Italia (e non solo) e lo fa attraverso una giornata di sensibilizzazione contro il problema: Play It Safe 2013. Una giornata che cade in un momento particolare per il gigante di Redmond, che proprio la settimana scorsa si è vista comminare dall'Antitrust Ue una multa da 561 milioni di euro per non aver dato agli utenti Windows una vera libertà di scelta sul browser da utilizzare.

È stato un errore tecnico, hanno subito detto da Microsoft, annunciando di non aver intenzione di fare ricorso e di aver già posto in essere una serie di contromisure. E questo anche per evitare di fornire appigli ai sacerdoti della pirateria software che - secondo lo studio di Idc, denominato "The Dangerous World of Counterfeit and Pirated Software" - brucia miliardi di dollari a consumatori e aziende in tutto il mondo: 22 miliardi di dollari per le attività di identificazione, riparazione e ripristino e 114 miliardi di dollari complessivi per la gestione dell'impatto di un attacco informatico dovuto a malware da mettere in conto con i software contraffatti.

L'Italia, in questo senso, è messa non bene: il tasso di pirateria del software in Italia è del 48%, rispetto ad un tasso medio in Europa del 33% e del 45% nel mondo. Il nostro Paese è inoltre ancora nella Watch List dei Paesi a rischio.

Quella del Play It Safe è quindi una delle iniziative che Microsoft sta portando avanti, insieme anche a collaborazioni con aziende per la promozione del software "genuino". L'attesa ora è sul fronte normativo. L'Agcom ha iniziato nel 2010 a metter mano a un regolamento per contrastare la pirateria via Internet. Il risultato è una bozza in cui si prevedono varie cose. Innanzitutto la possibilità per l'Autority di far rimuovere selettivamente i contenuti abusivi (Ntd), cosa che è già una pratica comune nel mondo;
il tutto senza alcuna forma di filtraggio preventivo, ma attraverso la verifica dell'illiceità dei contenuti immessi e successiva richiesta di rimozione; la responsabilizzazione dei provider del web e richiesta di cooperazione per il contrasto all'illegalità; una campagna per sensibilizzare l'utenza e sostegno alla promozione dell'offerta legale di contenuti digitali. Il provvedimento è rimasto in bozza. Ed è uno degli atti su cui la nuova Agcom dovrebbe tornare a concentrarsi nel breve.

Fonte:Il Sole 24 ore

Apro questo topic vista la recente discussione sul forum sulla pirateria informatica, almeno abbiamo un topic idoneo in cui parlarne senza andare OT in millemila topic diversi.
L'articolo che ho preso risale al 2013, il solo articolo che ho trovato recente la cui fonte risulta essere ben affidabile. Articoli più recenti provengono da siti a me sconosciuti i cui dati, inoltre, non trovano riscontro con nessun altro sito.
Come si legge dal sito, nel 2013, la pirateria informatica era al 48% in Italia, ben oltre la media europea. In termini ottimistici la pirateria può essere scesa non molto in un solo anno.


Visto che si parlava di screzi R*-Utenti PC, volevo fare una mia riflessione, legata comunque alla pirateria:


Molti utenti Pc scaricano illegalmente, che siano videogiochi, film, musica e quant'altro. Da ciò, è presumibile che una buona parte di utenza scarica i giochi illegalmente (o quanto meno, chiunque io conosco, fa così, in pochi comprano i giochi su steam, ancora meno in negozio). Altri utenti invece comprano da Steam, dove i giochi partono da prezzi ben al di sotto da quelli rilasciati dalla casa produttrice stessa. Alcuni di questi utenti che comprano su Steam, inoltre, non lo fanno subito a prezzo "pieno", ma aspettano saldi e sconti vari.
Detto questo, ecco perché reputo R* non prenda per il culo nessuno, ma reputo "scorretto" il comportamento inverso dell'utenza pc che (nel migliore dei casi e GIUSTAMENTE) per risparmiare non consente alla casa produttrice di guadagnare anche da quella fetta di utenza. Innegabile il fatto che un gioco, che se comprato in negozio o comunque al suo prezzo pieno di mercato (ovvero quello legato al sito stesso), consentirebbe di incrementare i guadagni. Ovvio che io, se trovo un gioco a 3€ anziché 70€, me lo compro subito (mica siamo tutti scemi no?), ma ovviamente questo non aiuta il mercato del pc gaming, e quindi CREDO io (non è verità assoluta) che questo sia il reale motivo per cui in determinati casi ci troviamo di fronte a condizioni spiacevoli in cui una certa utenza viene trascurata piuttosto che un altra (escludendo altri aspetti come marketing).
Immagine Postata

Immagine Postata
0

#2 L'utente è offline   Saint Jake 

  • Boss
  • Gruppo: Moderatori
  • Messaggi: 10875
  • Iscritto il: 30/03/09
  • Provenienza:The Glitch City
  • GTA Preferito:GTA: San Andreas

Inviato il 18 settembre 2014 - 18:42

Ho sempre trovato che questi dati di "perdite" siano delle enormi stronzate.
Se io scarico un software, non è che l'azienda che l'ha prodotto ha perso dei soldi perchè io non l'ho comprato, semplicemente perchè se io non lo avessi trovato piratato, non me lo sarei comprato comunque.
Esempio: tutti noi (o quasi tutti eh) hanno Photoshop sul pc. Photoshop costa 800 € in versione base, più abbonamento mensile per gli updates. Quanti lo hanno comprato? Credo nessuno.
Quindi loro pensano di aver perso >800 € per ogni download piratato.
Ma non è così: se tu non avessi trovato Photoshop crackato, te lo saresti andato a comprare spendendo 1000 € ? No, l'avresti sfanculato, e loro non avrebbero comunque guadagnato nulla.
Quindi loro non hanno una perdita, semplicemente hanno un mancato guadagno che non avrebbero comunque ottenuto a prescindere, perchè l'utente che scarica illegalmente, non avrebbe in ogni caso comprato il prodotto, ne avrebbe fatto a meno.
Parlando dal gameing: gli utenti che scaricano illegalmente, se non trovassero un determinato gioco piratato, non è che lo comprerebbero, così come chi ha una console non si compra determinati giochi ma magari li giocherebbe se fossero scaricabili piratati.
Quindi se le vendite su pc sono inferiori, non dipende dalla pirateria, ma da altre cose: ad esempio l'utenza pc è generalmente più adulta, e non interessata a certe cazzatine casual, è più esigente, vista la maggior esperienza in campo tecnico e la maggior potenza delle proprie macchine da gioco rispetto a una console, inoltre i giochi su pc vengono spesso convertiti con dei porting dimmerda, il che fa certamente passare la voglia di spender soldi per un gioco che dovrebbe girare a 60 frame e invece gira a 22 perchè l'hanno ottimizzato in 5 minuti.
R* in particolare, ha ritardato l'uscita per pc e next gen per motivi ovvi: se l'utenza avesse visto la qualità superiore su pc, avrebbe schifato le versione old gen, quindi le hanno fatte uscire secoli prima per venderne a fottere.
Se io voglio sperare di vendere una versione inferiore di qualcosa, è normale che non la metta in vendita insieme a una versione superiore, altrimenti quella inferiore vende meno e fa incazzare l'utenza.
Non diamo sempre la colpa all'utenza, demonizzando ogni cosa che fa, perchè in realtà le vere colpe le hanno i grandi produttori che giustamente pensano a massimizzare i propri guadagni, a scapito della propria credibilità, e si nascondono dietro dati palesemente imbecilli come quelli delle fantomatiche perdite conseguenti alla pirateria.
Immagine Postata
"Alme Sol, curru nitido diem qui promis et celas aliusque et idem nasceris, possis nihil urbe Roma visere maius"

Immagine Postata
0

#3 L'utente è offline   pierduck 

  • Assassino
  • Gruppo: Utenti
  • Messaggi: 4104
  • Iscritto il: 18/08/13
  • ID PSN:pierduck
  • ID Social Club:pierduck
  • Provenienza:Lecco
  • GTA Preferito:GTA: San Andreas

Inviato il 18 settembre 2014 - 18:49

beh ma se tutti noi, per fare un esempio, piratiamo PS, facendone uso, Adobe avrà un prodotto in giro che non ha venduto, eppure tutti ce l'hanno.... non hanno delle perdite in termini di vendita, ma sicuramente di sviluppo (con che soldi pagano i lavoratori?). Poi ovviamente va comprato con licenza per lavoro, cioè credo Adobe freghi poco se noi utenti a caso abbiamo PS solo per togliere i brufoli alla gente, quindi in parte sono d'accordo con il tuo discorso.
Credo anche che, come dici tu, la colpa sia della casa produttrice che mira al guadagno (giustamente), ma credo anche sia colpa dell'utenza che mira al risparmio (giustamente). Diciamo che le colpe sono abbastanza suddivise in questo senso, e non attribuibili ad una sola parte (come ho erroneamente esposto nel primo post).

Già che ci sono volevo chiedere una cosa che mi ha sempre messo dei dubbi: ma acquistare su steam è totalmente legale oppure è un mercato "grigio"? Cioè che senso ha, se la società Pincopallo vende il suo gioco sul suo sito a 50€ e al contempo ne vende una copia identica in tutto e per tutto su Steam a 10€? Quindi le copie su steam sono UFFICIALI oppure in qualche modo piratate? Perché non avendo mai comprato nulla su steam non ci ho mai capito un fico secco :D

Messaggio modificato da pierduck il 18 settembre 2014 - 18:52

Immagine Postata

Immagine Postata
0

#4 L'utente è offline   [B]Black 

  • Assassino
  • Gruppo: Utenti
  • Messaggi: 4505
  • Iscritto il: 15/02/07
  • Provenienza:The Moon.
  • GTA Preferito:Sconosciuto

Inviato il 18 settembre 2014 - 18:51

Visualizza MessaggiSaint Jake, il 18 September 2014 - 19:42 ha detto:

// cut


Però se io fossi uno sviluppatore indie e vedessi gente che gioca al mio gioco aggratis dopo che mi sono fatto il mazzo come una montagna.. non so te, ma a me girerebbero parecchio.
Grazie Raffa. ♥
Posted Image

Crolli economici del tuo paese? Ok. Sconfitta della tua squadra preferita? Suicidio.
- Italiano medio
0

#5 L'utente è offline   Saint Jake 

  • Boss
  • Gruppo: Moderatori
  • Messaggi: 10875
  • Iscritto il: 30/03/09
  • Provenienza:The Glitch City
  • GTA Preferito:GTA: San Andreas

Inviato il 18 settembre 2014 - 18:56

Visualizza Messaggipierduck, il 18 September 2014 - 19:49 ha detto:

beh ma se tutti noi, per fare un esempio, piratiamo PS, facendone uso, Adobe avrà un prodotto in giro che non ha venduto, eppure tutti ce l'hanno.... non hanno delle perdite in termini di vendita, ma sicuramente di sviluppo (con che soldi pagano i lavoratori?).

Si, ma se non fosse esistito in versione piratata, tutti noi non l'avremmo mai comprato nè usato, quindi non avrebbero comunque avuto guadagno.
In certi casi, come nei giochi indie, la pirateria è molto utile, perchè ti può portare una grande pubblicità (se il tuo prodotto è valido) e visibilità che non avresti avuto se la gente avesse potuto provare il gioco solo pagandolo (molti non l'avrebbero comprato magari).
La pubblicità non è una cosa da sottovalutare.
Se io riuscissi a fare un gioco, probabilmente per pubblicizzarlo lo invierei anche in versione crackata ai principali siti delle crew che piratano i giochi, che vengon seguiti da milioni di persone che potranno vedere e conoscere il tuo gioco :ghgh:
Photoshop ormai non ha certo bisogno di pubblicità, ma se la gente non lo avesse mai trovato gratis, nessun privato l'avrebbe mai usato, e oggi non sarebbe parte integrante delle nostra cultura mediatica (in Tv si parla spesso di cose "fatte con photoshop", e lo si fa perchè la gente sa cos'è, e lo sa perchè l'ha trovato piratato).
Poi beh, è ovvio che, nello specifico, un programma come Photoshop trae i suoi guadagni dalle licenze alle aziende, e non da noi privati, ma tant'è :sese:

@Black: Se tu fai un gioco indie, al 99% non se lo caga nessuno, vista la poca visibilità che ha.
Ma se, ad esempio, skidrow lo cracka, finisce nella sua homepage, dove passano ogni giorno milioni di utenti che scaricano, provano, giudicano, e parlano/pubblicizzano il tuo gioco, se è valido, aumentandone il successo e di conseguenza anche le vendite ufficiali.
Immagine Postata
"Alme Sol, curru nitido diem qui promis et celas aliusque et idem nasceris, possis nihil urbe Roma visere maius"

Immagine Postata
0

#6 L'utente è offline   njko98 

  • Cacciatore di taglie
  • Gruppo: Utenti
  • Messaggi: 1018
  • Iscritto il: 08/11/13
  • ID PSN:nokiaermejo2010
  • ID Social Club:njko98
  • Provenienza:Roma
  • GTA Preferito:GTA V

Inviato il 18 settembre 2014 - 18:58

Visualizza Messaggipierduck, il 18 settembre 2014 - 19:49 ha detto:

beh ma se tutti noi, per fare un esempio, piratiamo PS, facendone uso, Adobe avrà un prodotto in giro che non ha venduto, eppure tutti ce l'hanno.... non hanno delle perdite in termini di vendita, ma sicuramente di sviluppo (con che soldi pagano i lavoratori?). Poi ovviamente va comprato con licenza per lavoro, cioè credo Adobe freghi poco se noi utenti a caso abbiamo PS solo per togliere i brufoli alla gente, quindi in parte sono d'accordo con il tuo discorso.
Credo anche che, come dici tu, la colpa sia della casa produttrice che mira al guadagno (giustamente), ma credo anche sia colpa dell'utenza che mira al risparmio (giustamente). Diciamo che le colpe sono abbastanza suddivise in questo senso, e non attribuibili ad una sola parte (come ho erroneamente esposto nel primo post).

Già che ci sono volevo chiedere una cosa che mi ha sempre messo dei dubbi: ma acquistare su steam è totalmente legale oppure è un mercato "grigio"? Cioè che senso ha, se la società Pincopallo vende il suo gioco sul suo sito a 50€ e al contempo ne vende una copia identica in tutto e per tutto su Steam a 10€? Quindi le copie su steam sono UFFICIALI oppure in qualche modo piratate? Perché non avendo mai comprato nulla su steam non ci ho mai capito un fico secco :D


Le key su steam sono legali al 100%

Tornado al discorso, concordo con entrambi, la colpa è sia dei venditori che alzano il prezzo, sia di noi, che miriamo al risparmio... Se trovassimo una via di mezzo sarebbe l'ideale!
0

#7 L'utente è offline   GiuseppeT03 

  • Delinquente
  • Gruppo: Utenti
  • Messaggi: 497
  • Iscritto il: 24/07/13
  • Gamertag:GiuseppeT03
  • ID Social Club:GiuseppeT03
  • Provenienza:Termini Imerese
  • GTA Preferito:GTA: San Andreas

Inviato il 18 settembre 2014 - 19:03

Io invece,compro una PaySafeCard per fare aquisti su internet. Infatti ora mi devo comprare Minecraft. Giuro sulla mia copia di GTA V che non faccio pirateria.
Immagine Postata
0

#8 L'utente è offline   pierduck 

  • Assassino
  • Gruppo: Utenti
  • Messaggi: 4104
  • Iscritto il: 18/08/13
  • ID PSN:pierduck
  • ID Social Club:pierduck
  • Provenienza:Lecco
  • GTA Preferito:GTA: San Andreas

Inviato il 18 settembre 2014 - 19:06

Vero, il discorso pubblicità non è trascurabile ed effettivamente ciò che dici è vero, se non lo cracco o non lo compro alla fine è la stessa cosa
Immagine Postata

Immagine Postata
0

#9 L'utente è offline   [B]Black 

  • Assassino
  • Gruppo: Utenti
  • Messaggi: 4505
  • Iscritto il: 15/02/07
  • Provenienza:The Moon.
  • GTA Preferito:Sconosciuto

Inviato il 18 settembre 2014 - 20:43

Visualizza MessaggiSaint Jake, il 18 September 2014 - 19:56 ha detto:

@Black: Se tu fai un gioco indie, al 99% non se lo caga nessuno, vista la poca visibilità che ha.
Ma se, ad esempio, skidrow lo cracka, finisce nella sua homepage, dove passano ogni giorno milioni di utenti che scaricano, provano, giudicano, e parlano/pubblicizzano il tuo gioco, se è valido, aumentandone il successo e di conseguenza anche le vendite ufficiali.


Parli per sentito dire o per esperienza personale? Se avessi un minimo di conoscenze (sul serio, bastano 5 minuti su google) nell'ambiente development degli indie sapresti come, dove e quando pubblicizzare il tuo gioco che, a meno che non sia un gioco del cazzo alla Big Rigs, potrebbe generare un discreto numero di vendite.

E comunque in ogni caso preferirei il mio 1% con relativi guadagni piuttosto che 10 copie vendute e 15000 in giro per il web.

L'unica scusa plausibile che potrei trovare è che non essendoci una demo, col desiderio di provare il gioco, qualcuno possa cadere in tentazione (ma anche in questo caso per la legge è comunque reato, giustamente).
Grazie Raffa. ♥
Posted Image

Crolli economici del tuo paese? Ok. Sconfitta della tua squadra preferita? Suicidio.
- Italiano medio
0

#10 L'utente è offline   Saint Jake 

  • Boss
  • Gruppo: Moderatori
  • Messaggi: 10875
  • Iscritto il: 30/03/09
  • Provenienza:The Glitch City
  • GTA Preferito:GTA: San Andreas

Inviato il 18 settembre 2014 - 20:58

Quote

Black' date='18 September 2014 - 21:43' timestamp='1411069418' post='954159']
Parli per sentito dire o per esperienza personale? Se avessi un minimo di conoscenze (sul serio, bastano 5 minuti su google) nell'ambiente development degli indie sapresti come, dove e quando pubblicizzare il tuo gioco che, a meno che non sia un gioco del cazzo alla Big Rigs, potrebbe generare un discreto numero di vendite.

E comunque in ogni caso preferirei il mio 1% con relativi guadagni piuttosto che 10 copie vendute e 15000 in giro per il web.

L'unica scusa plausibile che potrei trovare è che non essendoci una demo, col desiderio di provare il gioco, qualcuno possa cadere in tentazione (ma anche in questo caso per la legge è comunque reato, giustamente).

Sto sviluppando parecchia roba, conosco l'ambiente.
La visibilità che puoi avere sull'homepage di un sito che ha milioni di visite, difficilmente la puoi ottenere attraverso canali ufficiali, e in modo completamente gratuito.
Comunque ci sono molti giochi indie belli che non venivano minimamente cagati da nessuno, e che, guarda caso, ho conosciuto seguendo determinati siti warez.
Comunque Big Rigs, proprio per questa sua natura terribile, ha venduto non poco in questi ultimi anni, diventando un cult :asd: Grazie alla pubblicità dell'utenza, appunto.
Immagine Postata
"Alme Sol, curru nitido diem qui promis et celas aliusque et idem nasceris, possis nihil urbe Roma visere maius"

Immagine Postata
0

#11 L'utente è offline   [B]Black 

  • Assassino
  • Gruppo: Utenti
  • Messaggi: 4505
  • Iscritto il: 15/02/07
  • Provenienza:The Moon.
  • GTA Preferito:Sconosciuto

Inviato il 18 settembre 2014 - 21:30

Sarò il primo a scaricarlo <3

Origgginale ovviamente.

/cazzeggio
Grazie Raffa. ♥
Posted Image

Crolli economici del tuo paese? Ok. Sconfitta della tua squadra preferita? Suicidio.
- Italiano medio
0

#12 L'utente è offline   PorcoAlato 

  • Cacciatore di taglie
  • Gruppo: Utenti
  • Messaggi: 1468
  • Iscritto il: 06/10/13
  • Gamertag:JonnyPig
  • ID Social Club:JonnyPig
  • Provenienza:Spaghetti City
  • GTA Preferito:GTA: San Andreas

Inviato il 19 settembre 2014 - 09:49

D'accordo su tutto con Saint ( stranamente). ;)

ID RGSC : JonnyPig ID XBoxlive : JonnyPig Rank GTA Online : CUOZ

" We're the Brews Sporting Anti-Swastika Tattoos "

"SOLO NEMICI"
0

#13 L'utente è offline   cristiankim 

  • Sicario
  • Gruppo: Utenti
  • Messaggi: 2103
  • Iscritto il: 07/01/12
  • GTA Preferito:GTA IV

Inviato il 20 settembre 2014 - 19:07

Non sono d'accordo sul discorso del tanto non l'avrei mai comprato, è vero in alcuni casi ma in molti altri no.
Io piratavo tutto a 360 fino a 2 anni fa, poi come molti altri ho scoperto steam, mi sono fatto un esame di coscienza del tipo "giocare è una delle mie passioni, gli sviluppatori in questo ambito il 90% degli introiti li ottengono grazie alla copia venduta (altro che diritti per TV, radio, concerti, cinema e tutto quel che vuoi.), che cavolo di ingrato sono nel godere del loro prodotto frutto di duro lavoro, e lasciare gli sviluppatori con un pugno di mosche?" Steam ha capito finalmente che 60 euro per un videogioco è follia, e ha trasformato i prezzi in quel che sono ora, permettendo di comprarsi TRIPLA AAA vecchi di un anno o 2 al costo di una birra, ha liberalizzato la vendita di key, rendendo il mercato estremamente concorrenziale, e perfino l'adolescente che non lavora e che si vergogna di chiedere soldi per un videogioco riesce a riempire la libreria steam di decine e decine di titoli (IO).
La pirateria spesso ha avuto conseguenze positive, probabilmente se Playstation 1 non fosse stata piratata nel 80% dei casi (non conosco la statistica) il marchio non sarebbe mai diventato quel che è oggi.
Ma dire che gli indie di qualità ottengono successo perché vengono piratati mi sembra un'utopia, quando ci sono tantissimi forum che trattano di questi giochi sconosciuti, e lo stesso steam gli permette un giusto spazio con tanto di recensioni da parte di utenti e l'hub della community con tantissimi contenuti e condivisioni. Anzi, forse sono la fascia più colpita dato che esultano per ogni copia piazzata.
Se un indie è un capolavoro lo sai senza ricorrere a siti per pirati, la voce trai pc gamers si sparge in un baleno senza alcuna forma di marketing al contrario del mondo console.
L'unica cosa che tollero è quella di scaricare il gioco per testarne la qualità, sopratutto se sono titoli di grandi pubblisher famosi per il marketing di gran lunga superiore alla qualità del titolo (EA, UBISOFT).
Per il resto, davvero, costa troppo? Basta aspettare un anno o poco più e lo compri al prezzo di un pacchetto di sigarette.
Vabbe, lasciamo stare l'incazzo quando chi scarica in continuazione si lamenta della cattiva ottimizzazione, o ancora peggio, chi ha 2 gtx 780ti nel case e non ha 20 euro per comprare il gioco.
"Poca scienza allontana da Dio, ma molta scienza riconduce a Lui"
Louis Pasteur
0

#14 L'utente è offline   Saint Jake 

  • Boss
  • Gruppo: Moderatori
  • Messaggi: 10875
  • Iscritto il: 30/03/09
  • Provenienza:The Glitch City
  • GTA Preferito:GTA: San Andreas

Inviato il 20 settembre 2014 - 19:20

Visualizza Messaggicristiankim, il 20 September 2014 - 20:07 ha detto:

Vabbe, lasciamo stare l'incazzo quando chi scarica in continuazione si lamenta della cattiva ottimizzazione, o ancora peggio, chi ha 2 gtx 780ti nel case e non ha 20 euro per comprare il gioco.

Si ma il problema dell'ottimizzazione lo ha anche chi invece per il gioco ha speso 60 €:sese:
Cioè, chi s'è comprato giochi tipo Dark Souls o GTA IV (e tantissimi altri, perchè difficilmente fixano, mi viene in mente solo Saints Row 3), aveva bene di che lamentarsi.
Immagine Postata
"Alme Sol, curru nitido diem qui promis et celas aliusque et idem nasceris, possis nihil urbe Roma visere maius"

Immagine Postata
0

#15 L'utente è offline   Mat Smoke 

  • Sicario
  • Gruppo: Utenti
  • Messaggi: 2085
  • Iscritto il: 10/03/06
  • GTA Preferito:GTA: San Andreas

Inviato il 20 settembre 2014 - 19:28

Tutto questo perché, secondo me, è sbagliato il concetto di shareware. A una azienda o comunque a chi lavora seriamente conviene comprare la licenza per esempio per photoshop, ma per uso privato quanti sono quelli disposti ad acquistare un software? Personalmente io di persona non ne conosco quasi. Per come la vedo io un software dovrebbe essere gratuito e dovrebbe poter essere possibile donare una quantità qualsiasi di denaro agli sviluppatori, eventualmente potrebbe esserci (se utile e/o possibile) una versione "premium" (con supporto, funzioni aggiuntive ecc.) per esempio per aziende o comunque per chi ha particolari bisogni. Se a qualcuno piace il programma, può donare quanto ritiene opportuno. I modi per continuare a garantire entrate costanti ci sono, vedi per esempio pubblicità e sponsor, a me andrebbe bene di usare liberamente un programma a costo di un bannerino 200x200. In più potrebbe favorire lo sviluppo di software.
Discorso simile si può anche applicare a musica, film, videogiochi ecc.

Messaggio modificato da Mat Smoke il 20 settembre 2014 - 19:29

0

#16 L'utente è offline   Spago93 

  • Sicario
  • Gruppo: Utenti
  • Messaggi: 1696
  • Iscritto il: 10/09/13
  • ID PSN:Spago_Kiiller
  • ID Social Club:spago_killer
  • Provenienza:Namecciano
  • GTA Preferito:GTA: San Andreas

Inviato il 20 settembre 2014 - 19:33

secondo me la pirateria è piu che giusta.
Perche devo pagare 10 euro di cinema(che è anche troppo) + 10 di benzina + altre cagate varie se posso starmene a casa davanti ad un bel televisore su un divano (per uno che non lavora meglio risparmiare i soldi)
Per non parlare di una famiglia composta da 4/persone : 40 euro solo di biglietti, 10 di benzina e altre cazzate .
Sinceramente 55 euro sono un pò troppi per andarsi a vedere un film.
Abbassassero i prezzi .... e anche per noleggiare un film ti spellano!

Messaggio modificato da SpagoKiller93 il 20 settembre 2014 - 19:59

MEMBRO CREW DAL 9 NOVEMBRE 2013
0

#17 L'utente è offline   Snake - 

  • Assassino
  • Gruppo: Utenti
  • Messaggi: 3199
  • Iscritto il: 25/07/12
  • Gamertag:-
  • Provenienza:IT,Italia,EU
  • GTA Preferito:GTA 1

Inviato il 20 settembre 2014 - 20:15

Io sono contrario al discorso "lo pirato perchè tanto non lo acquisterei mai"
Prendiamo per esempio il discorso photoshop, l'azienda presso cui è stato sviluppato a speso denaro e tempo per produrre quel software, quindi gli serve un ricavo, se tu vuoi usufruire di un servizio, lo paghi come è giusto che sia, ci sono molti altri programmi che fanno la stessa cosa (molto meno completi e professionali) e sono a licenza libera, quindi piratando photoshop che costa molto, magari avreste potuto usarne uno free oppure uno che costa 30 o 50 euro, perchè tanto le potenzialità di un programma come quello non verranno mai sfruttate da un privato per cancellarsi i brufoli da una foto o aggiungere dei muscoli in più per la foto di profilo di facebook, quindi hai fatto perdere un clienti potenziale a quelle aziende che producono software meno costosi
Per il discorso dei film in italia comprarli in digitale o noleggiarli non conviene assolutamente perchè i siti che offrono questo servizio sono costosi e hanno pochi film in catalogo, ma in altri paese dove c'è Netflix che con 6 euro al mese si possono guardare tutti i film che vuoi è molto vantaggioso, in questo caso l'utente medio non può spendere centinaia di euro per vedersi i film che vuole e guardarsi un film in streaming lo capisco e può starci
Per i giochi su pc, si riescono a trovare key al prezzo di 18/20 euro anche al D1 di titoli tripla A, gli indie costano ancora meno, se proprio non vuoi spendere 10 euro per un gioco aspetti i saldi di steam
Io non dico di non aver mai piratato niente in vita mia ma quando so che magari a poco prezzo posso ottenere una versione originale e contribuire allo sviluppo di un determinato software, perchè no
Shapphire HD 7970 3 gb GDDR5,i7 3770k,MSI Z87 MPower,Cooler master GTX 800 watt,Western digital 3,5" 1,5 t,SSD samsung 128 gb ,16 gb ram
Immagine Postata
0

#18 L'utente è offline   Qwerty 

  • Ex galeotto
  • Gruppo: Utenti
  • Messaggi: 7299
  • Iscritto il: 05/03/08
  • GTA Preferito:GTA: San Andreas

Inviato il 20 settembre 2014 - 23:25

Visualizza MessaggiSaint Jake, il 18 settembre 2014 - 19:42 ha detto:

Ho sempre trovato che questi dati di "perdite" siano delle enormi stronzate.
Se io scarico un software, non è che l'azienda che l'ha prodotto ha perso dei soldi perchè io non l'ho comprato, semplicemente perchè se io non lo avessi trovato piratato, non me lo sarei comprato comunque.
Esempio: tutti noi (o quasi tutti eh) hanno Photoshop sul pc. Photoshop costa 800 € in versione base, più abbonamento mensile per gli updates. Quanti lo hanno comprato? Credo nessuno.
Quindi loro pensano di aver perso >800 € per ogni download piratato.
Ma non è così: se tu non avessi trovato Photoshop crackato, te lo saresti andato a comprare spendendo 1000 € ? No, l'avresti sfanculato, e loro non avrebbero comunque guadagnato nulla.
Quindi loro non hanno una perdita, semplicemente hanno un mancato guadagno che non avrebbero comunque ottenuto a prescindere, perchè l'utente che scarica illegalmente, non avrebbe in ogni caso comprato il prodotto, ne avrebbe fatto a meno.
Parlando dal gameing: gli utenti che scaricano illegalmente, se non trovassero un determinato gioco piratato, non è che lo comprerebbero, così come chi ha una console non si compra determinati giochi ma magari li giocherebbe se fossero scaricabili piratati.
Quindi se le vendite su pc sono inferiori, non dipende dalla pirateria, ma da altre cose: ad esempio l'utenza pc è generalmente più adulta, e non interessata a certe cazzatine casual, è più esigente, vista la maggior esperienza in campo tecnico e la maggior potenza delle proprie macchine da gioco rispetto a una console, inoltre i giochi su pc vengono spesso convertiti con dei porting dimmerda, il che fa certamente passare la voglia di spender soldi per un gioco che dovrebbe girare a 60 frame e invece gira a 22 perchè l'hanno ottimizzato in 5 minuti.
R* in particolare, ha ritardato l'uscita per pc e next gen per motivi ovvi: se l'utenza avesse visto la qualità superiore su pc, avrebbe schifato le versione old gen, quindi le hanno fatte uscire secoli prima per venderne a fottere.
Se io voglio sperare di vendere una versione inferiore di qualcosa, è normale che non la metta in vendita insieme a una versione superiore, altrimenti quella inferiore vende meno e fa incazzare l'utenza.
Non diamo sempre la colpa all'utenza, demonizzando ogni cosa che fa, perchè in realtà le vere colpe le hanno i grandi produttori che giustamente pensano a massimizzare i propri guadagni, a scapito della propria credibilità, e si nascondono dietro dati palesemente imbecilli come quelli delle fantomatiche perdite conseguenti alla pirateria.



completamente d'accordo con saint
0

#19 L'utente è offline   Lo Stefano 

  • Assassino
  • Gruppo: Utenti
  • Messaggi: 3579
  • Iscritto il: 11/02/11
  • ID PSN:Lo__Stefano
  • ID Social Club:Lo_Stefano
  • Provenienza:Provincia di Bergamo
  • GTA Preferito:GTA: San Andreas

Inviato il 21 settembre 2014 - 00:15

Io non ho letto molti dei post precedenti, quindi non so se posso parlare apertamente dicendo "io scarico illegalmente blablabla" ma nel dubbio farò così.

La maggiorparte di roba che scarico sono film (o serie tv), ma non mi sento minimamente in colpa, perchè io sono un frequentatore assiduo di cinema (quest'anno ho superato le 30 volte in sala) e quindi i soldi io li do alle case produttrici/distributrici/al cinema... E contando che il 50% sono film che mi schifano, mi sento addirittura truffato :dontgive:

Anyway, quando avrò un lavoro e quindi dei soldi, ho intenzione di comprarmi i dvd dei miei film preferiti (contro gli over 500GB di quelli scaricati)



Chiedo di non essere bannato

Ciao


Immagine Postata
0

#20 L'utente è offline   [B]Black 

  • Assassino
  • Gruppo: Utenti
  • Messaggi: 4505
  • Iscritto il: 15/02/07
  • Provenienza:The Moon.
  • GTA Preferito:Sconosciuto

Inviato il 23 settembre 2014 - 11:48

Visualizza MessaggiSaint Jake, il 20 September 2014 - 20:20 ha detto:

Si ma il problema dell'ottimizzazione lo ha anche chi invece per il gioco ha speso 60 €:sese:
Cioè, chi s'è comprato giochi tipo Dark Souls o GTA IV (e tantissimi altri, perchè difficilmente fixano, mi viene in mente solo Saints Row 3), aveva bene di che lamentarsi.


Quindi.. se la mia Ford ha sempre problemi al motore, consuma troppo e fa schifo in generale.. se entro in un concessionario e rubo una Ford a caso sono da biasimare? Diciamoci la verità.. l'unico motivo per cui la gente non fa così è perché se rubi un'auto possono risalire a te, mentre se scarichi qualcosa col cazzo che ti rintracciano.

Visualizza MessaggiMat Smoke, il 20 September 2014 - 20:28 ha detto:

Tutto questo perché, secondo me, è sbagliato il concetto di shareware. A una azienda o comunque a chi lavora seriamente conviene comprare la licenza per esempio per photoshop, ma per uso privato quanti sono quelli disposti ad acquistare un software? Personalmente io di persona non ne conosco quasi. Per come la vedo io un software dovrebbe essere gratuito e dovrebbe poter essere possibile donare una quantità qualsiasi di denaro agli sviluppatori, eventualmente potrebbe esserci (se utile e/o possibile) una versione "premium" (con supporto, funzioni aggiuntive ecc.) per esempio per aziende o comunque per chi ha particolari bisogni. Se a qualcuno piace il programma, può donare quanto ritiene opportuno. I modi per continuare a garantire entrate costanti ci sono, vedi per esempio pubblicità e sponsor, a me andrebbe bene di usare liberamente un programma a costo di un bannerino 200x200. In più potrebbe favorire lo sviluppo di software.
Discorso simile si può anche applicare a musica, film, videogiochi ecc.


È il modello che è nato negli ultimi tempi. Prendi come esempio le app su AppStore/Google Play. Prima erano per la maggioranza a pagamento. Oggi sono quasi tutte free to play, con inserzioni pubblicitarie e paywall ogni 3 livelli. Io sinceramente preferisco il modello "paghi una volta" e giochi senza pensieri. Idem per i film, preferirei pagare 8€ di biglietto e vedere un film senza interruzioni e cagamenti di cazzo, piuttosto che pagarne 3€ e vedere una pubblicità sulla fronte del protagonista.

Visualizza MessaggiSpagoKiller93, il 20 September 2014 - 20:33 ha detto:

secondo me la pirateria è piu che giusta.
Perche devo pagare 10 euro di cinema(che è anche troppo) + 10 di benzina + altre cagate varie se posso starmene a casa davanti ad un bel televisore su un divano (per uno che non lavora meglio risparmiare i soldi)
Per non parlare di una famiglia composta da 4/persone : 40 euro solo di biglietti, 10 di benzina e altre cazzate .
Sinceramente 55 euro sono un pò troppi per andarsi a vedere un film.
Abbassassero i prezzi .... e anche per noleggiare un film ti spellano!


Perché devi? Scusa ma.. chi ti obbliga? Se non hai i soldi non ci vai al cinema, semplice.

Se avete la possibilità di comprare i software che scaricate, fatelo. Ci sono ore e ore di lavoro dietro quei codici, DEVONO essere ricompensate. Non diciamo stronzate sui prezzi e roba varia, nessuno vi obbliga a comprarli.






ma la verità è che se si potessero scaricare le case, la gente scaricherebbe anche quelle

perché ho un pc da 1200€ e non ho 100€ per comprare 4-5 giochi

un po' come chi compra l'iphone e poi si lamenta degli 89 cent all'anno per whatsapp :rotfl: la coerenza è la top quality dell'umanità.

edit: Giusto per chiarire, anche io un tempo scaricavo. Poi ho cominciato a programmare e ho capito realmente cosa c'è dietro anche il più semplice dei giochi. Da allora i software che mi servono li compro, idem i film (se non posso andare al cinema)(e vi assicuro che una collezione di bluray è molto più appagante di un hard disk da 1tb con milioni di film sopra).

Ah, udite udite. Ho anche comprato due anni di whatsapp all'esosissima cifra di 1,69€. Vi sembrerà strano ma mi è bastato non prendere caffé e cornetto al bar. Wow.

Messaggio modificato da [B]Black il 23 settembre 2014 - 11:52

Grazie Raffa. ♥
Posted Image

Crolli economici del tuo paese? Ok. Sconfitta della tua squadra preferita? Suicidio.
- Italiano medio
0

  • (2 Pagine)
  • +
  • 1
  • 2
  • Non puoi iniziare una nuova discussione
  • Non puoi rispondere a questa discussione

1 utenti stanno leggendo questa discussione
0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi