GTA-Expert Forum: [Economia] Ripasso estivo (capire il vero problema) - GTA-Expert Forum

Salta al contenuto

Pagina 1 di 1
  • Non puoi iniziare una nuova discussione
  • Non puoi rispondere a questa discussione

[Economia] Ripasso estivo (capire il vero problema) Il Debito

#1 L'utente  offline   Nando 

  • Teppista
  • Gruppo: Banned
  • Messaggi: 1684
  • Iscritto il: 24/04/09
  • GTA Preferito:GTA: San Andreas

Inviato il 28 luglio 2014 - 21:00

DEBITO POSITIVO, DEBITO NEGATIVO. LA DIFFERENZA. (Mosler Economics MMT)



Se la politica capisse cos’è veramente il Debito Pubblico, nessuno in Italia, così come in alcun Paese europeo oggi, parlerebbe di crisi. Ma poiché la politica non sa (e in alcuni casi non vuole) capirlo, tocca a noi cittadini e imprenditori informarci, e salvarci di conseguenza. Sapete bene che il reale governo italiano risiede nelle istituzioni dell’Eurozona, che decidono tutto ciò che conta nelle nostre vite di cittadini e aziende. Costoro ci dicono da anni che il Debito Pubblico va sempre contenuto, perché è la causa di ogni possibile male economico. A tale scopo hanno imposto ai diciotto membri della zona euro le Austerità, cioè tagli selvaggi a tutto ciò che è spesa dello Stato, il cosiddetto ‘risanamento’ dei conti. Ma i risultati non ci sono, anzi: in nessuno dei diciotto si è vista una riduzione di Debito, e peggio, le relative economie sono tutte in calo, includendo Belgio, Finlandia, Olanda e anche Germania, non solo noi ‘spendaccioni’ del sud Europa, dati Eurostat alla mano. E allora ecco la domanda: cos’è che non funziona?

E’ semplice. Primo punto: il Debito Pubblico non è pubblico. Quando uno Stato spende o emette un titolo, esso accredita conti correnti di cittadini e aziende (noi, il cosiddetto ‘pubblico’). Quella spesa è debito di Stato, ma è il credito di tutti gli altri, cioè noi, il ‘pubblico’. Non può essere contemporaneamente debito per tutti e due. Nessuno di noi dovrà ripagarlo. Nessuna impresa privata che lavora per lo Stato dovrà restituire quel fatturato, così come nessun risparmiatore dovrà ripagare i BOT che ha in portafoglio. Di nuovo: la spesa di Stato è debito del governo, ma credito per tutti noi.

Secondo punto: il Debito dello Stato può essere fruttuoso, o, al contrario, dannoso per l’economia. Ed è qui l’errore catastrofico della politica di Bruxelles, cioè il condannare il Debito di per sé, sempre, e sempre pretendere che esso venga ridotto. Innanzi tutto, ribadendo che il Debito di Stato è il credito di cittadini e aziende, ridurlo significa automaticamente impoverirci. Poi, di nuovo, vanno distinti i due tipi di Debito. Se lo Stato investe in un programma di piena occupazione, in infrastrutture e tecnologie per le imprese, in ricerca, se impone il costo del denaro a tasso quasi zero, o addirittura fra credito agevolato in settori vitali per le imprese e le famiglie, la ricchezza del Paese cresce (il PIL), e parlo della ricchezza di cittadini e aziende. La crescita del PIL non solo rilancia i consumi e i fatturati, ma rientra sempre nelle ‘casse’ dello Stato e finisce poi col mantenere il Debito stabile. Questo è il Debito Positivo.

Se, come invece pretendono le Austerità di Bruxelles, viene impedito al governo di usare il Debito in quel modo virtuoso, l’economia collassa, il PIL cala e in questo modo la proporzione del Debito su PIL appare maggiorata. E peggio: il governo è poi costretto a spendere montagne di denaro per ‘tappare i buchi’ causati proprio dalle Austerità, come la cassa integrazione, come i salvataggi delle banche travolte dai prestiti emessi ma ora inesigibili, come l’aumento delle spese per la povertà sociale, e come le ‘punizioni’ che i mercati c’infliggono alzandoci i tassi d’interesse proprio a causa della crisi innescata dalle Austerità stesse. Questa è tutta spesa a Debito Negativo, perché non produce nulla, non aumenta né PIL né fatturati né redditi, e fa crescere precisamente il volume del Debito. Un paradosso micidiale, che sta devastando le nostre vite, ma che la politica italiana, totalmente serva del Potere europeo, non vuole capire, tanto meno rimediare.

Esiste un Debito di Stato non solo positivo, ma vitale per noi cittadini e aziende. Non possiamo fare senza oggi.

Fonte

---------------------

RIPASSO ESTIVO 2 (MOSLER ECOMOMICS MMT)

Voglio precisare per il lettore, in particolar modo per chi fa impresa, che la rapina europea senza precedenti nei confronti di ciò che noi italiani abbiamo saputo edificare in 50 anni – cioè la ricchezza privata più grande del mondo in termini relativi – usa strumenti ben peggiori di quelli che ho potuto finora descrivere. Senza mezzi termini: voi gente che lavorate e che lavorò con una tenacia e bravura che ridicolizza i tedeschi, e li ha sempre ridicolizzati, state pagando di tasca vostra dal 1992 per il funzionamento di tutt’Italia, pubblica e privata, un processo che con l’arrivo dell’euro si è poi decuplicato. E questa è la più immane tassazione occulta di privati cittadini della Storia repubblicana. Ne parlerò poi.

Il Debito Positivo di cui parlo, cioè emissione di denaro dello Stato (debito e deficit) come accredito a cittadini & aziende, ha un potenziale immenso, che voi oggi neppure potete immaginare perché nessuno vi cita più gli esempi storici. Gli USA nel 1946-7 avevano un deficit di bilancio del 27% sul PIL. Non avete letto male, proprio il 27! Oggi la UE giudica un 3% già troppo alto! Lo mantennero (gli USA) finché non ebbero creato la nazione più ricca del mondo e aiutato l’Europa a risorgere dalle macerie. Nel 1994, l’Italia fu giudicata dalle agenzie di rating come “un’economia leader”, e aveva un deficit tre volte quello di oggi, al 10%! Altro che PIIGS.

Un avvertimento a tutti. Spesso viene detto che “poiché la nazione è l’insieme dei suoi cittadini, questi ultimi sono contemporaneamente creditori e debitori di se stessi”. No. Lo Stato non sono i cittadini & aziende. Stato = Apparato Governativo. Cittadini & aziende = Settore Privato. Lo Stato dovrebbe esistere (in un mondo ideale) con lo scopo primario di essere il Finanziatore di Prima Istanza del Settore Privato. Cioè: emettere denaro a debito di Stato (che è credito del Settore Privato) in misura sufficiente a far sì che cittadini & aziende prosperino in redditi, fatturati e piena occupazione.

L’emissione di titoli da parte di uno Stato e che cadano in mani nazionali o straniere, non comporta per esso alcuna differenza. La gente non sa che quando il Tesoro emette un BTP, tutto ciò che accade è che del denaro di un conto di ‘riserva’ di una banca (italiana o straniera) che sta dentro Banca d’Italia, si sposta in un conto di ‘risparmio’ del Tesoro, che sta sempre dentro Bankitalia. All’atto della liquidazione del titolo, con interessi, avviene lo spostamento contrario. Tutto accade in numeri che stanno sui computer di via Nazionale, e che vanno avanti e indietro. Tutto qua. Se tali movimenti accadono per il sig. Mazzetti o per i signori Toshimoko, McAndrew o Bank of America, non fa nessuna differenza per lo Stato. La differenza TRAGICA la fa se lo Stato deve usare in queste transazioni una moneta non sua, come l’euro, che non può creare dal nulla come fanno invece Giappone o Stati Uniti, e che deve sempre prendere in prestito dai Mercati di Capitali privati.

Al prossimo ripassino…

Fonte

Messaggio modificato da Nando il 28 luglio 2014 - 21:01

Ogni volta che vedo passare un'Alfa Romeo mi tolgo il cappello! (Henry Ford)

Posted Image
0

#2 L'utente  offline   Nando 

  • Teppista
  • Gruppo: Banned
  • Messaggi: 1684
  • Iscritto il: 24/04/09
  • GTA Preferito:GTA: San Andreas

Inviato il 01 settembre 2014 - 17:11

SE I MERCATI DIVENTANO LO STATO, TU LO PRENDI NEL CULO E NON CI CAPISCI UN CAZZO, FESSO.


Come detto e ridetto e riririririririririridetto, il denaro lo possono creare solo 2 entità: A) lo Stato B ) i Mercati delle banche. La spesa dello Stato è morta, eliminata dalla faccia del pianeta dalle regole dell'Eurozona e dall’economia Neoclassica di cui Renzi PD è campione (non lui, ma Gutgeld e Serra, Renzi è un babbuino che obbedisce). Rimangono quindi i Mercati delle banche come unica fonte di denaro, sono di fatto lo Stato. Ok, allora vuol dire che tutta la tua economia ora dipende da loro, tutto, dal capannone al mutuo, dal ristorante alla pensione ecc. Ora leggi qui sotto. Non ci capirai un emerito cazzo, ma proprio nulla, e poi ti dico una cosa.

“Il Tapering della FED doveva in teoria portare a rendimenti in aumento dei titoli USA a 5 e 10 anni con una sostanziale differenza però fra i primi e i secondi, ma non sta succedendo, prima volta dal 1960. Questo dipende dal fatto che Mario Draghi della BCE sta per annunciare lui stesso un QE sui titoli Eurozona, e quindi l’aspettativa dei Mercati è un apprezzamento del dollaro e sono corsi a comprarsi i Tsy americani, aspettandosi un upwards trend sui rendimenti, mentre, nonostante i grandi annunci di Draghi in UE di un QE imminente, il principal sui titoli europei fa meno gola (anche perché si sa che non dura). Chi va a vincere alla fine sono sempre loro, gli americani, l’Euro perde, e nessuno in UE ha la più pallida idea di che cazzo farci o di cosa sta succedendo.”

Ecco la cosa che ti dico: questa roba, caro lettore del tuo giornalino al caffè la mattina, ti fotte la vita per decenni, impatta su tutto quello che compri, guadagni, usi come servizi, e speri di lasciare ai tuoi figli, e tu non ci capisci un cazzo. Te lo meriti, ti fottono, tu non ci capisci un cazzo e ancora non hai visto nulla. Io, e altri come La Gabbia La7, te l'abbiamo spiegato per un anno, ma tu guardavi Santoro, tu ti bevevi Grillo, votavi PD, ascoltavi Floris, Squinzi e vai alla Festa dell’Unità. Good luck F… (finisce per esso).

Fonte

Messaggio modificato da Nando il 01 settembre 2014 - 17:12

Ogni volta che vedo passare un'Alfa Romeo mi tolgo il cappello! (Henry Ford)

Posted Image
0

#3 L'utente  offline   lugerp09 

  • Assassino
  • Gruppo: Utenti
  • Messaggi: 3355
  • Iscritto il: 07/11/13
  • ID PSN:lugerp09
  • ID Social Club:mikecami1097
  • Provenienza:Terra di nessuno
  • GTA Preferito:GTA: San Andreas

Inviato il 01 settembre 2014 - 17:35

Solo con una minore tassazione le imprese possono tornare a produrre e ad assumere incentivando cos i consumi grazie alla forza lavoro. Se la moneta non gira non si incentiva la produzione e il consumo. Solo se si consuma si pu continuare a produrre. Se i contribuenti sono notevolmente tassati questi diventano inadempienti proprio perch impossibilitati a pagare altre tasse. Lo Stato deve gestire meglio le risorse e puntare sul Debito positivo. Indebitarsi con le aziende (ovvero con i cittadini) positivo perch crea lavoro e permette a ciascun contribuente di pagare le tasse e con le stesse tasse lo Stato finanzia i servizi e paga i dediti pubblici. Il tutto funzionerebbe se non ci fossero funzionari amministrativi poco affidabili. Topic interessante comunque :)
Immagine Postata

Immagine Postata

Immagine Postata
0

#4 L'utente  offline   Gino Frozen 

  • Boss
  • Gruppo: Moderatori
  • Messaggi: 16726
  • Iscritto il: 28/10/13
  • ID PSN:XxGinoFrozenxX
  • ID Social Club:Gino Frozen
  • GTA Preferito:GTA V

Inviato il 02 settembre 2014 - 18:47

topic ripulito e riaperto
Immagine Postata
0

#5 L'utente  offline   lugerp09 

  • Assassino
  • Gruppo: Utenti
  • Messaggi: 3355
  • Iscritto il: 07/11/13
  • ID PSN:lugerp09
  • ID Social Club:mikecami1097
  • Provenienza:Terra di nessuno
  • GTA Preferito:GTA: San Andreas

Inviato il 02 settembre 2014 - 19:19

Grazie gino, nando cosa ne pensi della situazione di crisi economica attuale? Secondo te, la burocrazia, il sistema sbagliato delle tasse e la gestione inefficiente dell'amministrazione pubblica sono le cause principali oltre alle banche che non concedono prestiti?
Immagine Postata

Immagine Postata

Immagine Postata
0

#6 L'utente  offline   lugerp09 

  • Assassino
  • Gruppo: Utenti
  • Messaggi: 3355
  • Iscritto il: 07/11/13
  • ID PSN:lugerp09
  • ID Social Club:mikecami1097
  • Provenienza:Terra di nessuno
  • GTA Preferito:GTA: San Andreas

Inviato il 05 settembre 2014 - 18:27

L'utente che gestiva questo topic stato bannato, spero che questo topic rimanga aperto perch tratta un argomento interessante. Qualcuno interessato all'economia? :)
Immagine Postata

Immagine Postata

Immagine Postata
0

Pagina 1 di 1
  • Non puoi iniziare una nuova discussione
  • Non puoi rispondere a questa discussione

1 utenti stanno leggendo questa discussione
0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi